TelePAT: il punto sul progetto di Telelavoro della Provincia Autonoma di Trento a due anni dall'avvio

Sono stati resi noti i risultati del monitoraggio della sperimentazione avviata a giugno 2012 e che terminerà a dicembre 2014. Conclusa la sperimentazione questa nuova modalità di lavoro sarà adottata in modo stabile dall’intera Provincia Autonoma di Trento. Per agevolare l’accesso al telelavoro dal prossimo giugno saranno attivate nuove postazioni di lavoro.

Gli obiettivi del progetto TelePat prevedono il contenimento e la razionalizzare della spesa, il mantenimento della qualità dei servizi erogati, la crescita del capitale umano, la promozione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, il mantenimento in periferia di opportunità di lavoro pubblico per la valorizzazione del territorio ed infine l’utilizzo delle infrastrutture tecnologiche del Trentino.
Oltre 200 postazioni di telelavoro attivate che si distinguono in tre diverse modalità: 94 telelavoratori domiciliari, 87 in tele centro e 21 dirigenti/direttori in modalità telelavoro mobile e due nuove sedi di telecentro, a Grigno e Pergine Valsugana.

Il monitoraggio di marzo 2014
Leggi il comunicato stampa