Glossario

Clicca una lettera per avanzare nella pagina fino ai termini che iniziano con quella lettera

A

Aggiornamento Piano delle attività

documento che l’organizzazione è tenuta a compilare ogni anno nella fase attuativa del processo Family Audit. Certifica lo stato di avanzamento del Piano delle attività.

Audit

attività atta a valutare tramite un processo sistematico e documentato la conformità di processi, strutture o procedure adottate, rispetto a determinate caratteristiche richieste e a verificarne l'applicazione.

B

Banca delle ore

strumento attraverso il quale il lavoratore ha la possibilità di accantonare le ore di lavoro maturate in eccedenza rispetto al normale orario lavorativo, e di recuperarle seguendo modalità e criteri specifici in accordo con il datore di lavoro.

Banca ore solidarietà

banca delle ore destinata a lavoratori con situazioni famigliari gravi ed urgenti. Viene alimentata volontariamente dai dipendenti con le ore di servizio prestate in eccedenza.

Bilancio sociale

strumento di rendicontazione delle azioni che un’organizzazione intraprende negli ambiti sociale, etico e ambientale.

C

Congedo di maternità (ex astensione obbligatoria)

il congedo di maternità è il periodo nel quale la lavoratrice dipendente ha l'obbligo di astenersi dal lavoro. La gestante lavoratrice può scegliere l’astensione dal lavoro 2 mesi prima del parto e restare a casa 3 mesi dopo quest’ultimo. Oppure lavorare fino all’ottavo mese di gravidanza e restare a casa, dopo il parto, per 4 mesi.

Congedo di paternità

diritto rivolto esclusivamente ai padri lavoratori in alternativa al congedo di maternità. Consiste nell’astensione dal lavoro nei tre mesi successivi alla nascita del figlio/a o per la parte residua che sarebbe spettata alla lavoratrice.
Il padre lavoratore può usufruire del congedo di paternità per occuparsi del neonato/a se:

  • la madre è deceduta,

  • la madre è gravemente malata;

  • il neonato/a sono stati abbandonati dalla madre;

  • il neonato/a è affidato esclusivamente al padre.

Congedo parentale (facoltativo)

diritto all’astensione facoltativa dal lavoro, anche contemporanea, dei due genitori entro i primi 8 anni di vita del bambino. In caso di affido o di adozione, se il minore ha un'età compresa fra sei e dodici anni, il diritto di astenersi dal lavoro, può essere esercitato nei primi tre anni dall'ingresso del minore nel nucleo familiare. Il congedo parentale è previsto dalla legge 53/2000.

Consiglio dell'Audit

comitato preposto allo svolgimento di varie funzioni tra cui il riconoscimento del certificato Family Audit alle organizzazioni auditate. E’ composto da persone rappresentative del mondo istituzionale, della realtà accademica ed economica, nonché delle associazioni preposte alla tutela di interessi collettivi e dell’associazionismo familiare.

Consulente Family Audit

operatore professionale accreditato dalla Provincia Autonoma di Trento in qualità di Ente di certificazione e proprietario dello standard Family Audit, per svolgere la funzione di consulente nell’ambito della certificazione Family Audit

Contratto part-time

“contratto di lavoro in cui l’orario di lavoro, convenuto individualmente, risulta inferiore a quello del contratto a tempo pieno previsto dalla legge o dal contratto collettivo”1

 

1 Eurobalance Work Life Balance e training package (internet). Consultato 25 maggio 2011, pag 2.Disponibile all’indirizzo http://interface3.everis.net/EBnew/it/data/downloads/it%20section%202.pdf

 

D

Distretto famiglia

circuito economico e culturale, a base locale, all'interno del quale attori diversi per ambiti di attività e finalità operano con l'obiettivo di promuovere e valorizzare la famiglia ed in particolare la famiglia con figli.

Documento di impegno

documento con il quale l'organizzazione si impegna a realizzare il processo di certificazione Family Audit secondo le disposizioni delle Linee guida e secondo quanto previsto dall'iter di certificazione.
Documento di impegno

Documento informazioni sull'organizzazione

documento che raccoglie alcune informazioni descrittive dell’organizzazione coinvolta nel processo Family Audit.

Domanda di attivazione del processo di certificazione Family Audit

documento che viene inviato alla Provincia Autonoma di Trento in qualità di Ente di certificazione e proprietario del marchio Family Audit per chiedere l’attivazione del processo di certificazione Family Audit e l’assegnazione di una password al referente interno dell’Audit per la gestione documentale nell’area riservata della piattaforma informatica.
Domanda di attivazione del processo di certificazione Family Audi

F

Flessibilità oraria

"forme di organizzazione del tempo di lavoro caratterizzate dalla possibilità di variare la distribuzione dell'orario nell'arco della giornata, della settimana, del mese o dell'anno"2

 

2 INPS (internet). Consultato il 4 luglio 2011. Circolare n°95 del 16-05-2000. Disponibile all’indirizzo http://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=%2fCIRCOLARI%2fCircolare%20numero%2095%20del%2016-5-2000.htm

 

G

Gruppo di lavoro della direzione

gruppo composto dai vertici di un’organizzazione coinvolta nel processo Family Audit. Svolge un ruolo d’indirizzo nel percorso di certificazione partecipa al workshop iniziale e a quello finale.

Gruppo di lavoro dell’audit

gruppo individuato dalla direzione dell’organizzazione, composto da almeno un rappresentante per ogni area/settore/reparto dell’organizzazione coinvolta nel processo Family Audit. E’ coordinato dal referente interno dell’Audit, e svolge un ruolo di analisi e di proposta di azioni a favore della conciliazione famiglia e lavoro.

I

ICT (Information and Communications Technology)

insieme di metodi, di tecnologie, di sistemi di trasmissione, ricezione ed elaborazione delle informazioni, tecnologie digitali comprese.

J

Job sharing

“rapporto di lavoro speciale, mediante il quale due lavoratori assumono in solido l'adempimento di un'unica e identica obbligazione lavorativa. In pratica due persone si dividono consensualmente lo stesso posto di lavoro. In questo modo, i lavoratori possono cioè gestire autonomamente e discrezionalmente la ripartizione dell'attività lavorativa ed effettuare sostituzioni fra loro.”3  Introdotto con la “riforma Biagi” nell'ambito della complessiva riforma del mercato del lavoro, è disciplinato dal D. Lgs. n. 276/2003, artt. 41 – 45

 

3INPS (internet). Consultato il 4 luglio 2011. Disponibile all’indirizzo http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=6356

 

L

Lavoro flessibile

modalità di lavoro dove sono permessi alcuni elementi di variabilità riguardanti il luogo di lavoro oppure le ore impiegate per svolgerlo.

M

Malattia del bambino

fino ai 3 anni di vita senza limiti temporali, ma senza retribuzione entrambi i genitori, alternativamente, hanno diritto ad assentarsi dal lavoro per malattia del bambino.   Invece se il bambino ha un’età compresa tra i 3 e gli 8 anni di vita sono concessi 5 giorni lavorativi per ciascun genitore4.

 

P

Piano delle attività

documento che raccoglie le misure di conciliazione famiglia e lavoro che l’organizzazione si impegna a realizzare nella fase attuativa del processo Family Audit.

Processo di mantenimento Family Audit

processo che viene attivato dalle organizzazioni che si impegnano a garantire per tre anni il livello di conciliazione famiglia e lavoro raggiunto con il processo di certificazione Family Audit

Processo di ricertificazione Family Audit

processo che viene attivato dalle organizzazioni che intendono avviare un nuovo processo di certificazione Family Audit

R

Rapporto di valutazione

Il Rapporto di valutazione è il documento che viene redatto dal valutatore al termine del processo di valutazione e successivamente inviato al Consiglio dell’Audit per il riconoscimento all’organizzazione della certificazione Family Audit. Tale Rapporto, in particolare, esamina la coerenza, la fattibilità e l’efficacia delle misure di conciliazione famiglia e lavoro definite e sottoscritte dall’organizzazione stessa nel Piano delle attività.

Referente interno dell'Audit

figura individuata dall’organizzazione con funzioni di coordinamento del processo di certificazione Family Audit.

Registro consulenti Family Audit

elenco pubblico nel quale sono iscritti i consulenti accreditati dall’Ente di certificazione.

Registro organizzazioni certificate Family Audit

elenco pubblico nel quale sono iscritte le organizzazioni che hanno acquisito la certificazione Family Audit.

Registro valutatori Family Audit

elenco pubblico nel quale sono iscritti i valutatori accreditati dall’Ente di certificazione.

T

Telelavoro

“particolare tipo di rapporto di lavoro in cui l’attività viene normalmente svolta tramite strumenti informatici ed attrezzature telematiche, in un luogo diverso dai locali aziendali, prevalentemente da casa. Esistono diversi modalità in cui il telelavoro si può esplicare, ovvero televoro domiciliare (home based telework), telelavoro da “centro satellite”, telelavoro mobile (mobile telework), telelavoro da telecentri o telecottages, remotizzazione e sistema diffuso d’azienda”5

 

5 Eurobalance Work Life Balance e training package (internet). Consultato 25 maggio 2011, pag 2.Disponibile all’indirizzo http://interface3.everis.net/EBnew/it/data/downloads/it%20section%202.pdf

 

Time-saving

servizi che aiutano a “risparmiare tempo”, quali ad esempio servizi di lavanderia, di stireria, di spesa a domicilio, di pagamenti tramite internet, ecc.

Turnazione

organizzazione del lavoro centrata sull’avvicendamento del personale in fasce orarie diverse per la copertura dell’intera durata del sevizio

V

Valutatore Family Audit

operatore professionale accreditato dalla Provincia Autonoma di Trento in qualità di Ente di certificazione e proprietario dello standard Family Audit, per svolgere la funzione di valutatore nell'ambito della certificazione Family Audit.

W

Workshop

attività svolta dal gruppo di lavoro della direzione e dal gruppo di lavoro dell’Audit, supportata dal consulente Family Audit.